Andrea Lignani Marchesani (FD’I) “L’Amministrazione tifernate relega la Giornata del Ricordo nel chiuso di un teatro: primo atto istituzionale da Consigliere provinciale delle rose rosse in Via Martiri delle Foibe”

Il primo Atto da Consigliere provinciale, carica per la quale esprimo un appassionato ringraziamento ai colleghi Consiglieri che mi hanno onorato del loro consenso e per la quale garantirò il massimo impegno territoriale, sarà la deposizione come ogni anno di un mazzo di rose rosse a Via Martiri delle foibe a Città di Castello il prossimo 10 febbraio alle 11 insieme ad altri rappresentanti istituzionali del comprensorio valtiberino. L'Amministrazione comunale tiferanno ha si organizzato per la stessa giornata uno spettacolo teatrale ma si reputa questa lodevole iniziativa insufficiente per celebrale la tragedia degli esuli italiani giuliano dalmati. Non dovrebbero infatti essere rappresentanti istituzionali di opposizione a farsi carico di una cerimonia pubblica ma dovrebbe essere l'Amministrazione nella sua pluralità ha rendere omaggio pubblicamente e all'aperto in una giornata che, come noto, è stata istituita con Legge della Repubblica Italiana.